Il principe azzurro non esiste #l’eterno bambino

C’è da ammettere che il pensiero dell’eterna giovinezza, dell’esistenza della pietra filosofale o di qualche crema che con la minima passata faccia effetto vent’anni di meno, fa gola… e il nostro peter pan lo sa bene! Oltre ad avere il terrore di invecchiare, dei normali segni del tempo, delle trincee che gli si scavano sulla fronte e agli angoli degli occhi (dell’usura insomma), l’eterno bambino rimane tale anche nei rapporti con il gentil sesso. Allo stile da ragazzino appena uscito dalla centrifuga della lavatrice, capello finto spettinato (che poi tanto finto non è) e sneakers ultimo modello in voga, associa un modo di fare sbarazzino e frivolo. Da bravo farfallone, vola di fiore in fiore, s’appoggia un po’ ovunque, una slinguazzata in amicizia per intenderci, diffidando bene dall’avvicinarsi al fiore-responsabilità.
Come un bambino ad Halloween, suona diversi campanelli per accaparrarsi più caramelle possibili, per tornare a casa con leccornie di ogni tipo che gusterà a seconda di quella più invitante, di quella che ha la carta più accattivante e seducente… per poco dopo passare alla successiva!
Il trentenne (e passa) del caso è rimasto fermo ai suoi tempi, a quando i paninari facevano tendenza (e non parliamo di cibo), si è ancorato a quell’immagine come una cozza allo scoglio, e non se ne distacca minimamente! Alla sostanza preferisce l’apparenza, vuole ancora essere giudicato dai suoi simili per il corredo che si mette addosso, per l’etichetta in vista che mostra con nonchalance, per la “lei” che sfoggia come trofeo durante l’aperitivo.
E come ogni peter pan che si rispetti, il soggetto in questione non lascerà mai la situazione in cui si trova, il suo status quo: ci sta troppo bene per cambiarlo, per abbandonarlo in vista di relazioni… assai impegnative!
Se doveste fare un viaggio sulla sua “Isola-che-non-c’è”, premunitevi di aver già comprato un biglietto di ritorno, di ingraziarvi Capitan Uncino per farvi tornare a terra, perché il soggiorno con il vostro lui e la schiera di bambini perduti che ha come amici di certo lunga non sarà… e i bei progetti e le grandi frasi che vi aveva detto, che vi aveva confessato tra lacrime di emozione, verranno subito dimenticate per lasciar posto ad una nuova caramella, al nuovo dolcetto appena uscito sul mercato.
Warning: pericolo diabete!

Dimmi che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...